Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Terremoto: Abodi, mi auguro tante 'prime pietre'

Terremoto: Abodi, mi auguro tante 'prime pietre'

Ministro alla posa del futuro palasport di Arquata del Tronto

ARQUATA DEL TRONTO, 07 febbraio 2024, 20:24

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Mi auguro che si siano ancora tante 'prime pietre'". Lo ha detto il ministro dello Sport e Giovani Andrea Abodi, durante la cerimonia della posa della prima pietra del costruendo palazzetto dello sport di Arquata del Tronto (Ascoli Piceno), il cui impegno economico ammonta a 4 milioni di euro. Presenti anche commissario alla ricostruzione Guido Castelli, il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, il sindaco di Arquata Michele Franchi e quello di Acquasanta Terme Sante Stangoni.
    "Queste pietre hanno da un lato un valore simbolico, ma dall'altro un valore concreto - ha aggiunto -. Le infrastrutture saranno vive, come tutte le strutture sportive, ospiteranno non solo corpi, ma anche anime e voglia di riscatto. Le interpreto anche come un defibrillatore di fiducia e di speranza, perché è evidente che in questi sette anni qualcosa abbiamo lasciato per strada. E' dunque il segno di un cambio di passo, anche se voglio portare rispetto a chi ha lavorato alla ricostruzione prima di noi e ha cercato di fare il meglio".
    La realizzazione del palasport di Arquata rientra nel vasto panorama di azioni e interventi nei territori colpiti dal terremoto del 2016. Il presidente Acquaroli ha detto che "immaginare che si possa inaugurare questo spazio è una prospettiva che dà un segnale simbolico in uno dei territori più colpiti dal terremoto. Ricostruire il tessuto sociale economico è la vera sfida. I cantieri sono un segnale verso la comunità che la ricostruzione sta proseguendo e accelerando".
    L'impianto sportivo arquatano vedrà la luce grazie anche alla donazione di 1,5 milioni di euro della Croce Rossa Italiana, che è soggetto attuatore dell'intervento. "Ricostruire è importante, ma farlo con cura lo è ancora di più per evitare che poi le case ricostruite restino vuote - ha aggiunto il commissario Castelli -. Sono stati 4 i terremoti, 65 impianti sportivi lesionati, 200 le strutture che stiamo rigenerando grazie ai fondi sisma in grande sinergia con il ministro Abodi col quale abbiamo pensato di avviare un censimento delle strutture sportive".
    Il palazzetto sarà realizzato con criteri di bioedilizia, improntati sul recupero delle fonti energetiche rinnovabili naturali e sorgerà accanto al nuovo complesso scolastico, al posto della vecchia palestra demolita, lungo la strada provinciale Valfluvione. Previsti campi per basket, calcetto e pallavolo, tribune, punto ristoro e accoglienza spettatori.
    "Facendo squadra siamo riusciti a fare gol e speriamo di riuscire a farlo per i bambini di questo territorio. La presenza del ministro Abodi - ha concluso il sindaco di Arquata Franchi - ci dà speranza. La Croce Rossa ci ha regalato un sogno".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza