Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al Pirellone un convegno per ricordare Giorgio Strehler

Al Pirellone un convegno per ricordare Giorgio Strehler

'Percorso della memoria tra Trieste e Milano'

MILANO, 30 gennaio 2024, 20:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un convegno per ricordare il regista teatrale e direttore artistico Giorgio Strehler è stato organizzato oggi al Pirellone, promosso dal Comitato di Milano dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia nell'ambito dell'iniziativa 'Milano è memoria' del Comune di Milano e patrocinato dal Consiglio regionale della Lombardia.
    Il convegno ha seguito il percorso umano e artistico di Giorgio Strehler (1921-1997) tra Trieste e Milano. Un "percorso della memoria" reso possibile dai contributi di esponenti del mondo del teatro: la vedova di Strehler, l'attrice Andrea Jonasson e attori e registi formati alla sua scuola come Giorgio Bongiovanni, Stefano De Luca, Marco Carniti, e Renato Sarti.
    "Raccontare le persone, la loro esistenza, la loro storia, i loro traguardi, è un modo diverso per nutrire la memoria, evitando il rischio della ripetizione rituale degli anniversari - ha commentato il presidente del Consiglio regionale Federico Romani -. Giorgio Strehler, 'il ragazzo di Trieste', ha saputo unire il suo enorme talento agli stimoli ricevuti dal mosaico culturale del confine orientale dove è nato e cresciuto e a Milano è diventato uno dei più grandi registi del Novecento".
    E non è un caso, secondo Romani, perché "la nostra città e la nostra Regione sanno accogliere i talenti e offrire terreno fertile a chi vuole dare forma alle proprie idee e ai propri sogni. Qui nessuno è straniero, se mette al centro il lavoro".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza