Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Vuole sposare ragazza e le invia 100mila messaggi, espulso

Vuole sposare ragazza e le invia 100mila messaggi, espulso

Nessuna relazione ma scelta come sposa, condannato a 3 anni

MILANO, 23 febbraio 2024, 11:08

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Gli agenti della Questura di Milano hanno eseguito un provvedimento di espulsione emesso dal ministro dell'Interno, per motivi di ordine pubblico, nei confronti di un egiziano di 35 anni al quale era stato rigettato il permesso di soggiorno per pericolosità sociale ed era stato condannato a tre anni di reclusione per atti persecutori ai danni di una ragazza italiana che aveva scelto come sposa, nonostante non avesse con lei nessuna relazione sentimentale.
    Il 35enne aveva violato numerose volte il provvedimento di divieto di avvicinamento alla persona offesa, emesso dall'Autorità giudiziaria e i suoi comportamenti, protratti per molti anni e particolarmente aggressivi, avevano avuto inizio nel 2017. Oltre a telefonare continuamente e a inviare più di 100.000 messaggi alla ragazza e alla sua famiglia, si era presentato nei luoghi frequentati dalla giovane, inseguendola e, in un'occasione, era entrato nel suo palazzo, bloccando la porta dell'ascensore, per "sistemare la situazione" e celebrare il matrimonio. Le vessazioni del cittadino egiziano hanno riguardato non solo la ragazza, ma anche la sua famiglia, i condomini ed in generale le persone che di volta in volta, a suo dire, si sono frapposte ai suoi obiettivi.
    Nel corso degli anni non ha mostrato alcuna forma di resipiscenza e ciò - spiega la Questura - è stato determinante per il giudizio di pericolosità che ha portato all'adozione del provvedimento del Ministro.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza