Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Non parla italiano, negata la cittadinanza a una donna marocchina in Italia da 21 anni

Non parla italiano, negata la cittadinanza a una donna marocchina in Italia da 21 anni

A Pontoglio il secondo straniero 'bocciato'. Il sindaco: "E' coerenza, non razzismo"

BRESCIA, 20 febbraio 2024, 21:32

Redazione ANSA

ANSACheck

Alessandro Pozzi - RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Pozzi -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Pozzi - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il bis fa meno rumore della prima volta. E anzi, a Pontoglio, nel Bresciano è ormai una regola. Se un cittadino straniero non sa parlare italiano tanto da non riuscire nemmeno a pronunciare la formula del giuramento viene rimandato. Tornerà in Comune solo quando sarà in grado di esprimersi correttamente. "Non è razzismo, ma coerenza" viene detto in questa porzione di provincia bresciana.

Il sindaco Alessandro Pozzi lo aveva già fatto un anno e lo ha rifatto. Ha negato la cittadinanza ad una donna marocchina, che da 21 anni vive a Brescia, ma che non parla italiano. Dovrà ripresentarsi entro l'estate così da ottenere il documento.

"La signora ha dimostrato non solo di non possedere il livello minimo di conoscenza della lingua italiana, ma, ancor più preoccupante, durante la cerimonia ha mostrato difficoltà nel capire la richiesta di pronunciare il giuramento richiesto dalla normativa" ha spiegato il primo cittadino di Pontoglio, a capo di una giunta di centrodestra.

Pozzi ha messo in dubbio "il processo di integrazione, sia a livello familiare che sociale. Non sta a me accertare se la persona parla o meno l'italiano, ma il giuramento deve essere pronunciato. E' un atto dovuto, e il sindaco deve agire sulla base del pronunciamento di tale formula".

Il Comune di Pontoglio offre corsi gratuiti di alfabetizzazione per stranieri, ai quali la donna di origini marocchine non avrebbe mai partecipato secondo quanto ricostruito dal sindaco del paese in provincia di Brescia. "Mi sembra evidente - sostiene Pozzi - che non abbia mai voluto integrarsi. La cittadinanza italiana è un traguardo importante che va oltre i confini del "pezzo di carta. Non è solo un atto burocratico, ma una promessa di rispetto reciproco e amore per la nostra nazione, e richiede un impegno profondo nel volersi veramente integrare".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza