Floridiana, il disco di CoCo sfida il lockdown

"Non voglio pistole ma fiori", nell'album anche Luchè e Geolier

(ANSA) - MILANO, 05 NOV - Sulla copertina del nuovo disco CoCo emerge dall'acqua circondato da fiori recisi. Ricorda l'Ofelia di Millais, ma a differenza dell'eroina tragica lui non è un corpo abbandonato alla corrente, guarda dritto negli occhi il suo pubblico. Strano parallelo, divertente parallelo. Ofelia entra a corte grazie al potere del padre Polonio, CoCo entra nella corte del rap grazie al padre (artistico) Luchè. Figli della stessa terra, hanno fatto un pezzo di strada assieme (hanno anche aperto in società una pizzeria a Londra) e ora camminano uno di fianco all'altro su percorsi musicali distinti ma sempre uniti dall'etichetta di Luchè, BFM, per l'appunto "be a fam", essere una famiglia.
    "Floridiana" (Island - Universal) nasce come ep 6 mesi fa e ora è diventato un album di 14 brani che si muove tra il rap e il pop, con passaggi in autotune e momenti più intimi in cui CoCo preferisce togliere i filtri alla voce. Esce il 6 novembre su tutte le piattaforme digitali e in vinile (dal 13 novembre anche in cd), in un momento delicatissimo, in cui a soffrire è l'industria musicale, non la musica. "Il nostro settore è uno di quelli più colpiti. Ci sono il mio dj e il mio fonico che sono a casa da marzo, e come loro tantissimi, completamente dimenticati dal sistema". (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere
    Camera di Commercio di Milano
    Camera di Commercio di Milano



    Modifica consenso Cookie