Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Disturbi neurocognitivi, Regione pronta ad applicare legge 118

Disturbi neurocognitivi, Regione pronta ad applicare legge 118

Assessore Gratarola, "nessuno verrà lasciato indietro"

GENOVA, 27 novembre 2023, 11:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Il progetto Cdsd, cioè il piano regionale 'Demenza', è un piano molto ambizioso che prevede una presa in carico globale perché non tutti i disturbi neurocognitivi hanno lo stesso tipo di intensità". Lo ha detto l'assessore regionale alla sanità Angelo Gratarola a margine del convegno 'La mente oltre la nebbia - I disturbi neurocognitivi in Liguria' che si è tenuto al Di.Mi. presso l'ospedale San Martino di Genova. Gratarola ha fatto il punto sulle cure dei pazienti affetti da disturbi neurocognitivi grazie al progetto Cdcd, i centri per disturbi cognitivi e demenze.
    "Ci sono forme molto lievi e ci son forme veramente molto gravi - ha detto Gratarola -. Quindi per tutte queste persone vi è una sorta di presa in carico e terapia personalizzata. La rete ligure è una rete a maglie quindi riesce in qualche modo a a dare risposte a queste persone. Bisogna avere consapevolezza e non la negazione del disturbo neurocognitivo. Non è solo un problema di memoria, è un problema anche di tipo comportamentale quindi è un insieme di di elementi. Bisogna avere il coraggio che il care giver familiare in qualche modo lo dichiari subito".
    Un sostegno può arrivare dalle strutture specializzate ma spesso a frenare le famiglie sono i costi. "Tutto costa, tutto ciò che è deviazione dalla salute è sempre un costo - ha ammesso Gratarola - però naturalmente Regione deve fare fronte anche per questo tipo di popolazione. Adesso abbiamo la necessità di applicare la legge 118 che è stata prorogata fino a marzo.
    Saranno messi a gara i nuovi posti e troveremo collocazione per tutti i pazienti che ne hanno bisogno. Laddove questa cosa naturalmente non sia sostenibile dalle famiglie è evidente che ci dovrà essere l'intervento dello Stato. Non vi è dubbio e nessuno verrà lasciato indietro, non solo per queste patologie ma anche per tantissime altre. Un fabbisogno - ha concluso Gratarola - che impegnerà il bilancio regionale per circa 300 milioni di euro".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza