Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Genova, piace l'Idomeneo di Mozart al Carlo Felice

Genova, piace l'Idomeneo di Mozart al Carlo Felice

Applausi per la mise en scene acquistata dalla Scala

GENOVA, 17 febbraio 2024, 09:41

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Grandi applausi ieri sera al teatro Carlo Felice per la prima apparizione a Genova di 'Idomeneo'.
    L'opera che nel 1781 segnò l'avvio dell'ultimo incredibile decennio creativo di Mozart non era infatti mai stata presentata sui palcoscenici genovesi. 'Idomeneo' si basa su un libretto scritto da Giambattista Varesco e ispirato a una precedente tragédie, 'Idomenée' di Antoine Danchet, musicata nel 1712 da André Campra. La struttura è tipica dell'opera seria italiana del tempo, anche se l'argomento esula dalla tradizione metastasiana incorporando elementi della mitologia greca con elementi di tipo fiabesco e addirittura biblico. In più Mozart guarda anche all'esperienza francese, ad esempio con l'inserimento di elementi di danza.
    Sul piano musicale, l'opera è di notevole interesse, evidenziando un sensibile salto rispetto alle precedenti opere serie. Partitura complessa non solo per le voci chiamate a risolvere asperità tipiche dello stile settecentesco, ma anche per l'orchestra 'partecipe' del dramma. Lo spettacolo utilizzava la scenografia acquistata dalla Scala e firmata da Volker Hintermeier con la regia di Matthias Hartmann. Un impianto di forte impatto visivo, dominato da una grande testa di toro e da una carcassa posti sul palcoscenico rotante. L'elemento divino e soprannaturale è stato affidato a mimi che si muovono sinuosi, incombono sugli umani, rendono il moto del mare in tempesta, avvolgono la morente Elettra. Sul podio il direttore musicale del teatro Riccardo Minasi: la sua lettura è parsa alquanto duttile e rigorosa con interessanti soluzioni espressive. Coro (al quale sono affidate alcune delle più belle pagine dell'opera come il magnifico finale del secondo atto) e orchestra l'hanno assecondato con attenzione. Il cast è risultato di ottimo livello a partire dalle tre voci femminili: Benedetta Torre splendida Ilia per qualità vocali e presenza scenica, Lenneke Ruiten ha reso con energia la figura di Elettra, Cecilia Molinari ha restituito con vigore il personaggio di Idamante.
    Molto bene Antonio Poi nella parte di Idomeneo e Giorgio Misseri che ha risolto pur con comprensibile difficoltà l'impervia parte di Arbace. Prima replica domani.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza