Covid: inchiesta su anziane sorelle morte

Esposto di una figlia, erano in stanza insieme in una rsa

La procura di Genova ha aperto una inchiesta per omicidio colposo, a carico di ignoti, dopo la morte di due anziane sorelle che erano state ricoverate in una Rsa del centro. A fare aprire l'indagine un esposto che la figlia ha presentato tramite il proprio legale, l'avvocato Angelo Paone. Il procuratore aggiunto Francesco Pinto, che coordina l'inchiesta, ha fatto acquisire le cartelle cliniche. Secondo quanto raccontato dalla figlia, la madre avrebbe contratto la malattia dentro la struttura ma sarebbe stata mandata a casa senza alcuna diagnosi di Covid. L'anziana è morta due giorni dopo. Per i titolari della Rsa, privata con convenzione, sarebbe stata la figlia a volerla far tornare a casa. La zia, che era nella stessa stanza con la sorella, è invece morta in ospedale, anche lei senza diagnosi di Covid confermata dal tampone. Per entrambe i referti parlavano di polmonite. La procura ha disposto il tampone post mortem, risultato positivo per la prima mentre si attende il risultato di quello sulla sorella.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie