Lasorella, Agcom farà sua parte su sviluppo della rete unica

Una delle sfide più rilevanti del Paese è la digitalizzazione

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Dal rapporto emerge un quadro in chiaro-scuro, nel quale il lavoro agile e le didattiche a distanza sono passate da fenomeni di nicchia e fenomeni di massa. E' un processo positivo seppure con i caveat della unidirezionalità. Per altro verso questa accelerazione ha messo in evidenza le diseguaglianze territoriali, sociali ed economiche che sono grande materia di riflessione per la politica e le autorità di regolazione". Così Giacomo Lasorella, presidente Agcom, nel suo primo intervento pubblico in occasione della presentazione del Rapporto Auditel-Censis in Senato.
    "Una delle sfide più rilevanti del Paese è la sua digitalizzazione e l'estensione delle reti in fibra e del 5G sono precondizioni essenziali - ha proseguito -. La percentuale di persone che si connettono in banda larga è ancora troppo bassa. L'indice Desi colloca l'Italia al 25/o posto in Europa".
    "L'aumento della banda larga è una sfida per la politica e l'Agcom - ha sottolineato ancora -. Non mi addentro sulla questione delle rete unica, ma mi limito ad affermare che l'autorità svolgerà in pieno la sua parte, per garantire l'accesso in rete agli operatori in condizioni paritarie e un accesso di qualità per i cittadini. Garantire lo sviluppo significa individuare strumenti per presidiare la nuova agorà digitale senza comprimere le libertà". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA