Italgas: reti sempre più digitali, nel 2023 piena automazione

Dieci località collegate al software Dana per controllo remoto

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 01 AGO - Prosegue il percorso di trasformazione digitale di Italgas verso la piena automazione dei circa 75.000 chilometri di rete del gruppo, grazie all'applicazione di un software proprietario che consente di controllare e gestire da remoto le reti del gas digitali. Dopo il progetto-pilota di Pozzuolo Martesana, in provincia di Milano, l'azienda ha esteso l'applicazione del software Dana (Digital Advanced Network Automation), ad ulteriori infrastrtutture, in dieci località d'Italia. L'obiettivo di Italgas è completare entro il 2023 il piano che porterà l'intera rete del Gruppo sotto il controllo del nuovo software, che permette al personale addetto all'esercizio degli asset di disporre di una visione d'insieme in tempo reale del sistema distributivo, consentendo una puntuale verifica del funzionamento di tutte le componenti e la loro diretta gestione da remoto. La trasformazione digitale delle reti è la pre-condizione tecnica che consente loro di accogliere e gestire gas rinnovabili, come biometano e idrogeno. "Per la distribuzione cittadina del gas e per Italgas sono tappe importanti di una grande trasformazione - afferma l'a.d. di Italgas Reti, Pier Lorenzo Dell'Orco -. Siamo impegnati, infatti, nel rendere le nostre reti da tradizionali a digitali, pronte ad accogliere e distribuire una molteplicità di gas rinnovabili contribuendo così in maniera determinante alla decarbonizzazione dei consumi e alla transizione energetica. Perché questo accada, è necessario che le reti siano controllate in tempo reale e comandate a distanza da una sala controllo centrale. Dana serve proprio a questo". A partire dal 2018, Italgas sta investendo oltre 2 miliardi di euro nella digitalizzazione di asset e processi. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA