Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In Fvg aumentano le denunce per malattie professionali nel 2023

In Fvg aumentano le denunce per malattie professionali nel 2023

Cisl cita dati Inail: 'In un anno sono passate da 1.769 a 2.082'

TRIESTE, 08 febbraio 2024, 15:18

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono 2.082 le denunce per malattie professionali arrivate all'Inail nel 2023 in Friuli Venezia Giulia, di cui 666 di provenienza Inas Cisl. Una cifra in aumento rispetto alle 1.769 registrate nel 2022. Crescono soprattutto i tumori, le malattie del sistema respiratorio e quelle osteomuscolari e del sistema connettivo, che rappresentano il 59,3% del totale. I dati sono stati forniti oggi a Trieste dalla Cisl Fvg nel corso di una tavola rotonda sul tema delle malattie professionali che ha coinvolto anche Inail, patronato Inas Cisl, Azienda sanitaria e Regione.
    Tra gennaio e dicembre 2022, in Friuli Venezia Giulia, sono state 43 le denunce di malattia professionale con esito mortale.
    "Come prima cosa serve parlare e prendere coscienza del problema - ha detto il segretario generale Cisl Fvg, Alberto Monticco - parlarne in modo preventivo serve ad anticipare i fatti e non a rincorrerli. Credo inoltre che creare osservatori possa essere una prima fase per ridurre sia gli infortuni che le malattie professionali".
    Tra i temi affrontati anche il riconoscimento delle malattie professionali. Per il direttore del Patronato Inas Cisl Gianluigi Pauletto, esiste la necessità di "revisionare le tabelle delle malattie, ma anche di ridimensionare il documento di valutazione del rischio, su cui poggia anche il riconoscimento. Documento redatto dal datore di lavoro ma che rappresenta la fotografia del momento in cui viene redatto e quindi non risulta attendibile anche rispetto all'accertamento del nesso tra malattia e attività".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza