Friuli Venezia Giulia
  1. ANSA.it
  2. Friuli Venezia Giulia
  3. Mostre: tra terra e cielo ci sono i ricami delle Orsoline

Mostre: tra terra e cielo ci sono i ricami delle Orsoline

A Gorizia lavori inestimabili ai Musei provinciali

(ANSA) - TRIESTE, 09 DIC - "Un travolgente splendore" sintetizza il titolo di una delle sale della mostra. E' vero, e colpisce in quanto negli arazzi, nei parati sacri, la forza dei colori è deflagrante, le immagini di una natura che sboccia prepotentemente sono esplosive. E tanto di più sorprende, perché concettualmente molto distante dalla sobrietà della vita monastica. A realizzare infatti questi inestimabili lavori, così come merletti fiamminghi a fuselli, trine, cartoni da ricamo, non furono maestri artigiani ma le monache orsoline, e le loro allieve, di Gorizia. Una parte di quanto realizzato nei tre secoli e mezzo di permanenza in città è stato raccolto in una mostra, "Tra la terra e il cielo. I meravigliosi ricami delle Orsoline", sotto la direzione di Raffaella Sgubin e corredata dalle foto di Luigi Vitale (Musei provinciali di Gorizia fino al 30 settembre 2022).
    Quando, nel 2017, le Madri Orsoline abbandonarono Gorizia, lasciarono una forte impronta spirituale, culturale e civile e un patrimonio materiale, quello del monastero, intatto malgrado i due conflitti mondiali grazie alle istituzioni del territorio, come la Biblioteca Statale Isontina che acquistò i manoscritti e l'Ente regionale per il patrimonio culturale del Fvg, Erpac, che rilevò quadreria, un corpus di incisioni settecentesche, i mobili della sacrestia e una produzione tessile unica e che comprende semplici testimonianze di lavori manuali e sontuosi paramenti sacri, filati di oro e di argento.
    Oltre a immagini provenienti dall'archivio del monastero, con le classi scolastiche succedutesi nel tempo, sono in mostra tessuti e abiti femminili. Non solo vita contemplativa: la precipua attività dell'Ordine era educare le ragazze.
    Ovviamente, una formazione da educandato, come il ricamo - attività in cui le orsoline eccellevano - e la trasformazione di abiti femminili in parati ecclesiastici, il più spettacolare dei quali trasformato da un manto dell'imperatrice Maria Teresa.
    Nelle loro decorazioni le monache sceglievano riferimenti simbolici tratti dalle Sacre scritture o dall'ambito vegetale, quando non da motivi alla moda, e molti di questi lavori venivano messi in vendita.
    A Gorizia arrivarono sei orsoline della omonima Compagnia - fondata a Brescia nel XVI secolo da sant'Angela Merici - l'8 aprile 1672 e subito attivarono un convitto e una scuola, frequentata da un centinaio di "figliuole", di età e condizioni sociali molto diverse. Nel 2022 scoccheranno i 350 anni dal loro arrivo ed è prevista a Gorizia una serie di manifestazioni.
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Nuova Europa



      Modifica consenso Cookie