Johnson vola spinto dai vaccini, consenso da record nel Regno Unito

Sondaggio rilancia il premier britannico, 13% sul Labour.

Redazione ANSA

LONDRA -  Spinto dai vaccini e dalla finanziaria, torna a volare il consenso per Boris Johnson e il suo Partito conservatore nel Regno Unito dopo le critiche sui primi mesi della gestione della pandemia e sul pesante bilancio di morti, oltre che sui primi effetti del dopo Brexit. Lo certifica un sondaggio YouGov che accredita ora ai Tory un record del 45% (+4) di suffragi, meglio del 43,6% ottenuto nella vittoria a valanga al voto del dicembre 2019. Mentre relega il Labour di Keir Starmer al 32%, a 13 punti di distacco: meno di quanto raccolto dall'opposizione sotto la leadership di Jeremy Corbyn nella disfatta elettorale 2019.
Secondo il Times, la mega oscillazione è frutto del successo del governo nella campagna di vaccinazioni anti Covid nel Regno, ma anche delle prime reazioni positive a una finanziaria 2021 improntata a un aumento differito di tasse a iniziare dalla Corporation Tax sui profitti del business medio e grande (inedito nelle politiche Tory) a parziale copertura dei massicci impegni di spesa pubblica stanziati per la ripresa dalla pandemia. Finanziaria considerata "equa" da un 55% di britannici e mai così popolare negli ultimi 10 anni, segnala ancora YouGove

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: