Covid:sindacati, colpiti i lavoratori cultura, urgente agire

Insieme FP CGIL, CGT francese e Pcs inglese

Redazione ANSA

BRUXELLES - "In questo periodo i licenziamenti, il dumping sociale, la precarietà, in Italia, Inghilterra e Francia, come in tutta Europa, colpiscono i lavoratori dei servizi pubblici culturali. La pandemia di Coronavirus e il suo corteo di tragedie umane, economiche e sociali ci chiedono di unire le forze per imporre trasformazioni profonde e ora urgenti". Così con una nota congiunta i sindacati FP CGIL, CGT Culture (Francia) e PCS Culture Group (Regno Unito).

"Gli anni della crisi economica hanno prodotto tagli alle spese culturali in Europa tre volte superiori a quelle degli altri settori e ancora oggi, nella programmazione 2021-2027 del bilancio comunitario, si prospetta un taglio ulteriore del 20% delle spese destinate alla cultura" denunciano i tre sindacati.

Durante la pandemia la crisi strutturale del Turismo ha avuto un impatto negativo anche nei settori legati all'offerta dei servizi culturali e delle attività culturali e dell'industria creativa. Inoltre i sindacati ribadiscono che "Il progressivo arretramento delle gestioni pubbliche a favore di modelli di gestione privatistica nei servizi connessi all'offerta culturale ha prodotto fenomeni diffusi di dumping salariale, precarietà e perdita di diritti dei lavoratori".

I sindacati si uniscono dunque alle proteste in corso nei rispettivi Paesi e chiedono di ripensare il servizio pubblico culturale, garantire condizioni di lavoro dignitose e stabili.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie