Cultura: deputati Ue, piattaforme contribuiscano al settore

L'appello ai giganti del web

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Chiediamo alle piattaforme web di stabilire dei programmi per contribuire alla creatività e sostenere il settore culturale e creativo". E' l'appello di alcuni eurodeputati in una lettera indirizzata alle piattaforme e agli operatori di servizi digitali. Durante la pandemia i cittadini hanno usufruito di musica e cultura attraverso internet generando una crescita nel consumo dei servizi digitali, "abbiamo bisogno ora che facciano la loro parte di solidarietà supportando tutti i lavoratori del settore culturale e creativo", si legge nella lettera.

Gli artisti, i professionisti e i tecnici del settore culturale hanno dimostrato la propria solidarietà ai cittadini e alla popolazione nel contesto della pandemia intrattenendo la popolazione fin dall'inizio della crisi e promuovendo "la coesione sociale anche durante un periodo di distanziamento sociale". Ma "non hanno ottenuto alcuna retribuzione per questo", si legge nella lettera. Secondo gli eurodeputati la pandemia ha dimostrato che la cultura "non deve essere considerata un lusso, ma una necessità". Tra gli europarlamentari firmatari dell'appello figurano Massimiliano Smeriglio del Partito democratico (S&D), Chiara Maria Gemma, Isabella Adinolfi e Daniela Rondinelli del M5S.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie