Cultura: commissaria Gabriel, è un valore, pari a 4% pil Ue

Verheyen, almeno 2% fondi per ripresa siano destinati a settore

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Dobbiamo cooperare per vedere come mobilitare altri strumenti a supporto del settore creativo. Dobbiamo continuare a ricordare come la cultura sia un valore che deve essere preservato a tutti i costi", grazie al "suo ruolo importante nel costruire la resilienza della nostra società" e al "suo forte contributo economico" con "milioni di posti di lavoro" e che corrisponde a "quasi il 4% del Pil in Ue". Lo ha affermato la commissaria per la Cultura Mariya Gabriel intervenendo ad un dibattito organizzato dalla piattaforma Ue per il settore culturale Creative Flip sulle misure a sostegno del settore culturale.

"La nostra richiesta al Consiglio e alla Commissione Europea è chiara: almeno il 2% dei fondi per la ripresa economica Ue siano destinati a misure per il settore culturale", ha aggiunto Sabine Verheyen, presidente della commissione Cultura del Parlamento Ue, intervenendo al forum. Nel corso del dibattito si è ricordato che in questi mesi di pandemia diversi settori, come ad esempio i media e l'audiovisivo, hanno subito fino all'80% dei cali del settore pubblicitario.

"L'audiovisivo necessita il supporto Ue per la ripresa post Covid-19 per garantire la visibilità delle opere audiovisive e sostenere la coproduzione, che è l'essenza del cinema europeo", ha sottolineato Pauline Durand-Vialle, ceo della Federazione Ue dei direttori del cinema.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie