Giulia Barbucci eletta vicepresidente del Cese

La funzionaria Cgil sollecita la riforma del patto di stabilità

Redazione ANSA

BRUXELLES - Giulia Barbucci, sindacalista Cgil, è stata eletta vicepresidente del Comitato economico e sociale europeo (Cese) con delega al bilancio. La parità di genere e la protezione dei diritti dei lavoratori saranno le priorità del suo mandato fino ad aprile 2023. ''In questi anni abbiamo vissuto l'austerità in tutti i paesi dell'Unione, oggi non possiamo più permetterci queste politiche - ha detto Barbucci all'ANSA -. Questo modello non ha funzionato prima della pandemia e non funzionerà dopo''.

Per la sindacalista, gli stati europei devono trovare in tempi rapidi un accordo sul Recovery Fund e sul bilancio europeo 'per dare risposte a chi perderà il lavoro' ma la riforma del patto di stabilità, attualmente sospeso, sarà fondamentale per la ripresa. ''Ci vuole un nuovo modello economico più vicino alle persone''- ha sottolineato la funzionaria Cgil secondo cui sono necessarie ''politiche espansive che generino crescita e nuova occupazione'' per reagire alla mancanza di fiducia dei cittadini verso la politica e le istituzioni Ue.

Relatrice di un parere del Cese sulla prossima strategia europea per la parità di genere, Giulia Barbucci ha criticato il Recovery Fund per l'assenza di misure specifiche a sostegno dell'occupazione femminile. ''Surreale che nel 2020 dobbiamo ancora parlare di parità di genere, surreale che nel 2020 dobbiamo avere questi scarti salariali tra uomini e donne'' ha dichiarato la sindacalista. Per migliorare la situazione in Italia, è necessario rivedere 'il sistema di formazione', per offrire alle ragazze 'maggiori competenze tecniche' e combattere gli stereotipi. Per i prossimi due anni e mezzo, Giulia Barbucci affiancherà l'austriaca Christa Schweng, eletta Presidente del Comitato economico e sociale e l'irlandese Cillian Lohan, vicepresidente con delega alla comunicazione. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: