Coronavirus: Ausl Piacenza, nessun legame con polmoniti dicembre

Indagine su 215 casi dal 20 dicembre 2019 al 20 gennaio 2020

Nessuna connessione tra il nuovo coronavirus e i casi di polmonite che si sono verificati nel Piacentino tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020: a questa conclusione è giunta l'Azienda Usl di Piacenza che ha condotto una revisione degli esami radiografici e delle cartelle cliniche di tutti i pazienti con diagnosi di polmonite ricoverati negli ospedali del territorio tra il 20 dicembre 2019 e il 20 gennaio 2020.

L'analisi della documentazione, spiega l'Ausl, ha permesso di individuare 215 casi, che sono stati tutti valutati singolarmente alla ricerca di eventuali segni radiologici riconducibili a polmonite da Covid-19. Per nessuno di essi, è la conclusione, è stato riscontrato un legame con la sindrome provocata dal coronavirus.

La polmonite provocata dalla sindrome Covid-19 ha "un quadro clinico immediatamente riconoscibile", spiega la Ausl: ha dei tratti distintivi, indicati da letteratura scientifica, come dei particolari addensamenti e opacità. Queste caratteristiche si possono riscontrare con radiografie e Tc ad alta risoluzione del torace (quest'ultima anche senza mezzo di contrasto).

Secondo la valutazione fatta il numero di polmoniti riscontrato "può essere imputato ad altre cause" e "l'ipotesi che il picco di polmoniti di dicembre e gennaio possa essere anticipatorio o predittivo della successiva esplosione del contagio da Covid-19 alla fine di febbraio - sottolinea la Ausl - è da considerarsi categoricamente esclusa dalle evidenze scientifiche".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Aeroporto di Bologna



      Modifica consenso Cookie