Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al Man di Nuoro un 2023 all'insegna dell'architettura

Al Man di Nuoro un 2023 all'insegna dell'architettura

La direttrice Gatti, "un viaggio tra vari linguaggi artistici"

NUORO, 02 marzo 2023, 18:11

di Maria Giovanna Fossati

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

NUORO - Un dialogo continuo tra arte e architettura segna la programmazione 2023 del museo Man di Nuoro. Un ciclo di mostre con artisti di primo piano per un viaggio a 360 gradi. "La stagione del 2023 è dedicata all'architettura, macrotema portante di quest'anno anche in vista della Biennale che si terrà a maggio a Venezia, e contiene al suo interno vari linguaggi artistici: tessitura, fotografia, pittura e scultura - racconta all'ANSA la direttrice del Man, Chiara Gatti - La programmazione prosegue in estate e in autunno con diverse mostre ed eventi, tra cui quella dedicata a Matisse sul tema della scultura, una performance collettiva in piazza Satta che si apre a tutta la cittadinanza, fino all'esposizione dei tre maestri sardi dell'Isia, la scuola d'arte e design di Monza, Salvatore Fancello, Giovanni Pintori e Costantino Nivola". Si parte il 3 marzo con quattro diversi progetti. I primi tre saranno in esposizione fino al 25 giugno e raccontano epoche vicine e lontane, spaccati di storia, reperti archeologici e antichi mestieri che si fanno arte. E' il caso di "Odessa Steps", mostra incentrata sulla scalinata Potëmkin di Odessa, cerniera di congiunzione fra il mare e la città, fra cinema e architettura, progettata negli anni '30 dell'800 dall'architetto Francesco Carlo Boffo. Ma anche di "Dolmen e Menhir in Sardegna" di Olivo Barbieri, uno dei maggiori artisti e fotografi italiani contemporanei che volge uno sguardo all'archeologia isolana, e ancora "Trame e geometrie", che mette in luce le opere dello Studio Pratha, una fucina creativa sperimentale che accoglie ispirazioni di designer visionarie e artiste eclettiche che interpretano in chiave contemporanea l'arte millenaria della tessitura del borgo di Sarule. A questi tre progetti si aggiunge "Fading In", titolo di un'esposizione che contiene una selezione di reportage realizzati tra il 2010 e il 2021 da Massimo Grimaldi - al Man fino al 15 aprile - che sviluppa una costante tensione tra etica ed estetica e vede l'arte come parte attiva della società: le opere dell'autore partecipano infatti ai vari concorsi per poi donare le vincite a Emergency, l'associazione fondata da Gino Strada a favore delle vittime di guerra e povertà. Un calendario ricco quello del 2023 che porta fino ai primi mesi del 2024: dal 3 all'8 aprile appuntamento con un workshop di arte e architettura dal titolo Infosfera; dal 13 al 29 aprile l'evento "Ritorno a Monte Verità", confronto tra artisti sardi e tre artisti di origine svizzera che approderanno a Nuoro. Dal 22 al 28 maggio, Virgilio Sieni darà vita in piazza Satta alla performance collettiva "Come corpo come luce - scuola estiva sull'arte del gesto", mentra dal 14 luglio al 12 novembre è in programmazione la mostra "Metamorfosi", un percorso che raccoglie una cinquantina di lavori di Matisse e tracciano le evoluzioni della ricerca di scultore dell'artista. Dal 14 luglio al 17 settembre approda poi al Man un'esposizione dedicata a Maria Lai e Jorge Eielson, "Fili e poesie. A quattro mani", un racconto inedito che ricostruisce l'amicizia e il sodalizio artistico fra la grande autrice sarda e il maestro peruviano da cui nacquero opere condivise. A cavallo tra l'estate e l'autunno sarà la volta del "Project Room" di Alice Guareschi, Luca Spano e Cristian Chironi. Dal 24 novembre fino a tutto febbraio 2024 verranno invece esposte per i 100 anni dell'Isia, le opere dei tre maestri sardi Fancello, Pintori e Nivola e nello stesso periodo sarà al Man "Il resto dell'alba", un'installazione tra arte e architettura che propone una dilatazione del momento dell'alba in una dimensione fisica sospesa che apre ai quesiti sul futuro.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza