Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Daniele Gagliotta, senza il carcere oggi non sarei qui

Daniele Gagliotta, senza il carcere oggi non sarei qui

Ha 31 anni e dopo un'infanzia difficile ora è alla conquista degli Usa con la sua pizza

17 gennaio 2024, 10:57

Redazione ANSA

ANSACheck

Il pizzaiolo Daniele Gagliotta - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il pizzaiolo Daniele Gagliotta -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Il pizzaiolo Daniele Gagliotta - RIPRODUZIONE RISERVATA

Dal carcere minorile di Nisida, a Napoli, alla conquista degli Stati Uniti con la sua pizza. Daniele Gagliotta, 31 anni, oggi vive a Washington, gira il mondo come consulente della ristorazione, e sorride orgoglioso: "Ho cercato di inseguire un sogno che a volte non è stato facile neppure immaginare - racconta a fine servizio dopo un'altra intensa giornata di lavoro -. Ma grazie alla mia università, che è stata quella della strada, del marciapiede, ho tirato fuori il meglio di me, ho lavorato e lavoro tanto e questo sogno ora sta diventando una realtà: ho una casa, una famiglia e la fiducia di tanti che credono in me". La sua pizza è una tradizionale napoletana che strizza l'occhio a quella contemporanea e gourmet. Daniele è finito nel carcere di Nisida quando aveva 15 anni. Originario del centro storico di Napoli, la sua infanzia non è stata facile. "Da quando sono uscito, dopo due anni, ho sempre nascosto questa parte della mia vita e oggi sono pronto ad affrontare il mio passato con consapevolezza: so di aver sbagliato da bambino, ma so anche che tutti nella vita possono sbagliare e avere una seconda opportunità. Poi, anche grazie alle persone che ho incontrato, c'è stata la svolta".

Video Daniele: dal carcere minorile alla conquista degli Usa

 

Il ricordo va a quegli anni a Nisida: "Con me in cella c'erano esponenti molto pericolosi di famiglie malavitose di Napoli. Tanti di questi, mentre io poi ho iniziato a lavorare e a raccogliere le prime soddisfazioni, sono stati ammazzati e condannati all'ergastolo". L'occasione arriva grazie ai corsi di formazioni iniziati proprio in carcere: la panificazione, la pizza ma anche il teatro. Uno dei primi a credere in lui fu Errico Porzio, detto anche il pizzaiolo di popolo. Quando Daniele si presentò da lui nel 2013 per frequentare il corso di pizzaiolo, arrivò in manette accompagnato dalla polizia penitenziaria. "Mi vergognavo di quelle manette ai polsi, mi venne da piangere" ricorda oggi. "Forse - riflette lo Scugnizzo napoletano nel mondo, premio ricevuto dalla città nel 2021 - se non fossi finito in carcere, non avrei avuto le stesse opportunità. Ho pagato le conseguenze delle mie azioni e ora sono maturato. Ho imparato ad ascoltare gli altri mentre prima, uno dei miei più grandi errori, era proprio quello di non sapere e volere ascoltare". Il suo Dna partenopeo emerge con entusiasmo: "Il fatto che sono un figlio di Napoli mi regala emozioni, mi dà un'energia che forse, se fossi nato da un'altra parte, non avrei avuto. In pochi anni ho già portato il mio lavoro come consulente in 15 paesi del mondo, ho ricevuto premi ma quello più grande è poter essere oggi un esempio per tanti giovani che ancora pensano che la strada, poter guadagnare e spendere tanti soldi velocemente sia tutto. Non è vero, non è così. Ora che sto dall'altra parte del marciapiede, posso dire che tutti possiamo farcela, se solo lo vogliamo".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza