Con l'etichetta sulla pasta il grano italiano vale +20%

Coldiretti, produzione mondiale cala di 1 milione di tonnellate

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 15 MAG - A poco più di un anno dall'etichettatura d'origine per il grano della pasta cresce del 20% il valore del frumento duro in Italia. E' quanto emerge da un'analisi di Coldiretti, in relazione all'accordo siglato da Filiera Agricola Italiana e il pastificio Casa Milo di Bitonto per la fornitura già da quest'anno di grano 100% pugliese, che permetterà di produrre pasta secca e fresca certificata da Fdai (Firmato dagli Agricoltori Italiani).

A sostenere le quotazioni è il boom delle paste 100% di grano italiano, sottolinea la Coldiretti, ma anche il crollo delle importazioni dal Canada per le preoccupazioni relative all'uso del glifosato in preraccolta, secondo modalità vietate in Italia. Il risultato è che quest'anno mancheranno all'appello oltre 1 milione di tonnellate di frumento duro nel bilancio produttivo mondiale, secondo le previsioni del ministero dell'Agricoltura canadese che si attende un raccolto mondiale di 36,7 milioni di tonnellate, il 3,5% in meno rispetto al dato di produzione dell'ultima annata. Quanto all'accordo triennale tra Fai e pastificio Casa Milo prevede per il grano duro un prezzo minimo garantito che tiene conto dei costi di produzione e un premio qualità per i coltivatori per arrivare a coprire un fabbisogno di oltre 7 milioni di chili. Le migliori varietà di grano duro selezionate dalla Società italiana sementi dei Consorzi Agrari d'Italia verranno coltivate dagli agricoltori sul territorio pugliese che, spiega Coldiretti, produce più di 1/4 di tutto il frumento duro italiano. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA