Peugeot, la doppia 'sfida' del Leone dalla pista alla strada

Dalla 9X8 alla 6 Ore di Monza al design di 'rottura' della 408

Redazione ANSA MILANO

Dalla pista alla strada e viceversa per Peugeot che nello scorso fine settimana si è presentata all'Autodromo di Monza con due anteprime. Da un lato, le prestazioni senza compromessi della nuova 9X8, al debutto nel Campionato del Mondo Endurance proprio con la 6 Ore di Monza.
    Dall'altro, il design futuristico e pensato in termini di 'allure' dell'altrettanto Nuova Peugeot 408, pensata per essere un'auto di 'rottura' nel mercato attuale: non una berlina, non un SUV ma un po' l'una e un po' l'altro.
    "Abbiamo sviluppato l'elettrificazione su questa vettura - hanno spiegato i responsabili del Motorsport della casa del Leone a proposito della 9X8 - pensando anche a come trasferirne le tecnologie alle auro di serie. Un ruolo di grande importanza, tanto in gara con un'hypercar, soprattutto in una gara Endurance come a Monza, quanto su strada, sono le competenze che abbiamo maturato in termini di gestione dell'energia".
    Il debutto alla 6 Ore di Monza dello scorso weekend è avvenuto a distanza di un anno dalla presentazione in anteprima mondiale del prototipo della Hypercar 9X8, che con la nuova arrivata 408 ha diversi punti in comune, a cominciare dal ruolo cruciale che svolge il design, frutto del lavoro di Matthias Hossann e del team Peugeot, chiamati per questa doppia 'sfida' a realizzare due modelli dalla forte personalità ed innovativi, oltre le convenzioni e all'insegna dei tre valori della casa del Leone, ovvero 'allure', 'excellence' ed 'emotion'.
    "Per la 9X8 - hanno spiegato dal team Peugeot - avremmo potuto sviluppare l'auto partendo da una piattaforma esistente ma abbiamo scelto la sperimentazione di un progetto più aperto, con gli ingegneri esperti di Motorsport ma lasciando spazio per la creatività e il design particolare, in modo che la nostra vettura cose facilmente riconoscibile. Il regolamento non ci imponeva delle scelte a livello di forma del veicolo, tranne per gli aspetti di aerodinamica da rispettare. Già il non avere un ala posteriore costituisce una sfida della quale andiamo fieri".
    Sperimentazione e design sono stati anche le parole d'ordine che hanno portato alla nascita della nuova Peugeot 408, modello inedito nella gamma del Leone che è stato presentato in anteprima dal vivo proprio a Monza, mentre la 9X8 era pronta per scendere in pista a pochi passi di distanza. Obiettivo della nuova arrivata, quello di tracciare una nuova strada, presentandosi con un design inedito, strizzando l'occhio al mondo delle fastback, da cui riprende anche il dinamismo, ma mantenendo una posizione di guida più rialzata.
    "L'Italia è importante per Peugeot - ha commentato Thierry Lonziano, Direttore del marchio in Italia - perché è il nostro secondo mercato, dopo la Francia. La nostra volontà è quella di continuare a presentarci in scena come un brand creativo e un progetto come quello di 9X8 lo dimostra. E' un'idea che nasce dal talento, che poi traduciamo in funzionalità per la performance in pista ma anche per la mobilità di tutti i giorni".

Peugeot, la doppia sfida del Leone dalla pista alla strada

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie