Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Type 66, debutta 53 anni dopo la Lotus che non è mai nata

Type 66, debutta 53 anni dopo la Lotus che non è mai nata

Serie di sole 10 unità da disegni originali di Colin Chapman

ROMA, 22 agosto 2023, 10:25

Redazione ANSA

ANSACheck

Type 66, debutta 53 anni dopo la Lotus che non è mai nata - RIPRODUZIONE RISERVATA

Type 66, debutta 53 anni dopo la Lotus che non è mai nata - RIPRODUZIONE RISERVATA
Type 66, debutta 53 anni dopo la Lotus che non è mai nata - RIPRODUZIONE RISERVATA

Nell'anno del 75mo anniversario dalla fondazione, e per testimoniare il desiderio di reimmaginare i migliori modelli del suo patrimonio aggiornandoli nel modo più esaltante possibile, Lotus ha presentato la Type 66, di cui verranno fabbricati solo 10 esemplari ciascuno con un costo più di 1 milione di sterline.
    Questa straordinaria vettura da utilizzare solo in pista è stata presentata a The Quail, A Motorsport Gathering nell'ambito della Monterey Car Week in California e riporta in pista un modello del 1970 conosciuto come la Lotus 'perduta' in quanto progettata ma mai costruita.

    Nel raccontare che "Emerson Fittipaldi sarebbe stato uno dei piloti della Type 66 se fosse stata costruita, Clive Chapman, amministratore delegato del Classic Team Lotus e figlio di Colin Chapman, ha detto "L'auto avrebbe condiviso molte caratteristiche innovative con la nostra monoposto di F1 di maggior successo, la Lotus Type 72, sviluppata durante la stessa epoca".
    Questi dettagli "includevano radiatori montati lateralmente per ridurre la resistenza aerodinamica, aumentare la deportanza anteriore e canalizzare il flusso d'aria attraverso e sopra l'auto. La parte posteriore incorporava una sezione di coda distintiva, come nelle auto da corsa di Le Mans dell'epoca".
    Caratteristiche queste che nella Lotus Type 66 originale "avrebbero aumentato considerevolmente il suo carico aerodinamico, rispetto ai modelli rivali, favorendo la stabilità ad alta velocità e, in ultima analisi, i suoi tempi sul giro.
    Sarebbe stato spettacolare, così come l'attuale Type 66 che vediamo oggi".
    La nuova Lotus in edizione limitata beneficia di oltre mezzo secolo di progressi tecnici e ha permesso di ottimizzare design, ingegnerizzazione e produzione. Utilizzando un software per computer all'avanguardia, il team guidato da Russell Carr, che è il design director di Lotus, ha digitalizzato una serie di progetti in scala 1/4 e 1/10 forniti da Clive Chapman e ha creato rendering 3D per fornire una prospettiva completamente nuova del veicolo.
    Per conformarsi ai moderni standard di sicurezza e garantire protezione e confort per i piloti della Type 66 del 21mo secolo, i disegni originali sono stati 'delicatamente' reinterpretati includendo un abitacolo modernizzato, serbatoi di sicurezza interni, trasmissione sequenziale e sistema anti-stallo.
    Il tutto è contenuto in una scocca interamente in fibra di carbonio con l'ala anteriore progettata per convogliare l'aria dalla parte anteriore dell'auto, attraverso e sotto i parafanghi posteriori, generando un carico aerodinamico che è maggiore rispetto al peso totale della Type 66 a piena velocità.
    Il cuore della Type 66 è un motore V8 rappresentativo del periodo, montato centralmente per una manovrabilità ottimizzata.
    Produce più di 830 Cv e una coppia di oltre 746 Nm. Spiccano le iconiche 'trombe' verticali per l'aria di aspirazione - ispirate a Can-Am - collocate al centro delle testate nella parte superiore del motore.
    "Siamo incredibilmente orgogliosi di aver completato un progetto così unico - ha detto Russell Carr - e in cui Colin Chapman era stato coinvolto personalmente. Abbiamo usato una vera delicatezza nel rimasterizzare il passato. Questa non è una riedizione o una restomod, ma una razza completamente nuova di Lotus, un impegno per fare in modo che le nostre glorie passate continuino a riflettersi nel nostro futuro". 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza