MotoGp: 2 Gran Premi a settembre a Misano Adriatico

Gare per ora a porte chiuse ma con auspicio di pubblico dal vivo

Redazione ANSA BOLOGNA

Doppio appuntamento per la MotoGp, a settembre, a Misano Adriatico. A fianco del tradizionale Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, confermato anche quest'anno, nasce il Gran Premio dell'Emilia-Romagna e della Riviera di Rimini, per nove giorni all'insegna della velocità sulle due ruote.

La prima gara è in programma il secondo fine settimana di settembre, nel week end dell'11-13 settembre, e subito dopo, in quello del 18-20 settembre, debutterà il nuovo Gran Premio.

I due Gran Premi, è stato spiegato in una videoconferenza, si svolgeranno nel rispetto di tutte le norme di sicurezza, e quindi - al momento - senza pubblico dal vivo, ma con l'auspicio e la speranza che si possano creare le condizioni perché le tribune del Misano World Circuit, intitolato a Marco Simoncelli, possano accogliere in settembre almeno una parte di spettatori possibili.

"Se i dati sanitari continuano a esser quelli confortanti" degli ultimi giorni, ha osservato il presidente dell'Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, "la speranza è che ci possa anche essere la presenza del pubblico".

Ad ogni modo, ha proseguito, "il fatto di poter mostrare quelle due gare a miliardi di spettatori nel mondo è una opportunità straordinaria". Quella di "oggi - ha argomentato - è una giornata importante, non solo per i cittadini di questa regione, anche per il messaggio che vogliamo dare a tutto il mondo del motociclismo, dello Sport. Dopo quello che abbiamo patito, in uno dei territori più colpiti del Paese, vogliamo rilanciare scommettendo sulla la voglia di reagire, la capacità di offrire servizi. Non so quale altra terra sia così ospitale, nel far sentire chiunque venga a casa sua. Vogliamo scommettere - ha concluso Bonaccini - che anche questa stagione turistica non sia perduta". 

Sul circuito di Misano Adriatico, intitolato a Marco Simoncelli, per la MotoGp "si correrà anche nel 2022 e nel 2023 in data unica". Lo ha detto il sindaco della città romagnola, Fabrizio Piccioni, collegato in videoconferenza nel giorno della presentazione del doppio appuntamento della MotoGp in programma a settembre con il tradizionale Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini affiancato dal Gran Premio dell'Emilia-Romagna e della Riviera di Rimini. "Questo doppio evento - ha osservato riferendosi all'appuntamento settembrino - è un evento unico che si presenterà solo quest'anno, un evento eccezionale". Sul fronte economico, ha sottolineato, "lo sforzo c'è stato. dagli enti pubblici locali", ossia i Comuni del Riminese, Visit Romagna, la Provincia di Rimini e la Repubblica di San Marino, ha proseguito, "sono stati messi 1 milione e 70mila euro per il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini" cui vanno aggiunti "380.000 euro messi dalla Regione per il Gran Premio dell'Emilia-Romagna e della Riviera di Rimini". Guardando proprio alle due corse di settembre, ha aggiunto il sindaco di Rimini e presidente di Visit Romagna, Andrea Gnassi, il territorio è un territorio "sicuro, affidabile, che pur colpito c'è e risponde in modo straordinario, sul piano sanitario e su quello della sua organizzazione. C'era chi chiedeva se valesse la pena fare un investimento di questo genere - ha concluso riferendosi alle gare sul circuito misanese - e la risposta è si, convintamente si. E' un messaggio al mondo potente, noi ci siamo. E' una risposta pronta". Quella di oggi, ha osservato il direttore del Misano World Circuit 'Marco Simoncelli', Andrea Albani è una giornata storica. Ci saranno i test del MotoGp, nel pomeriggio sul circuito ci saranno Valentino con la sua Academy dii piloti del nostro territorio. Abbiamo passato tre mesi impegnativi, abbiamo avuto capacità di fare sistema. Ringrazio anche Dorna per un accordo che non era così semplice ma è stato raggiunto. Abbiamo lavorato per farci trovare pronti per la riapertura e ci vogliamo fare trovare pronti anche per potere aprire, magari in modo contingentato, al pubblico".

In occasione del doppio appuntamento con il MotoGp in programma a settembre sul circuito di Misano Adriatico, quando al tradizionale Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini si affiancherà il Gran Premio dell'Emilia-Romagna e della Riviera di Rimini le amministrazioni locali lavoreranno per far vivere anche eventi collaterali come già accaduto negli scorsi anni. "Non dobbiamo rinunciare - ha spiegato in videoconferenza il sindaco di Rimini e presidente di Visit Romagna, Andrea Gnassi - stiamo lavorando anche per organizzare la Notte Rosa. Lavoreremo ad eventi che non creano assembramenti. Sulla MotoGP potremmo ragionare su azioni in ambiti museali - ha aggiunto - dove si possono fare eventi. Concerti e altre cose prenderanno una forma diversa". A Misano, ha evidenziato il sindaco, Fabrizio Piccioni, "la caratteristica della nostra MotoGp è che buona parte venga vissuta fuori dal circuito. Noi già dal mercoledì avevamo iniziative che coinvolgevano il pubblico. Ci siamo concentrati sulla chiusura della MotoGp, che era la cosa più importante: adesso - ha chiosato -lavoreremo per gli eventi collaterali, se la cosa andrà per il meglio potremo organizzare qualcosa". In occasione delle gare, ha puntualizzato il Segretario di Stato al Turismo della Repubblica di San Marino, Federico Pedini Amati, "ci saranno sicuramente eventi collaterali. C'è un problema nei problemi che è quello dovuto al distanziamento, all'assembramento. Stiamo rivedendo anche quello che è il decoro del centro storico perché possano essere fatti all'esterno. Siamo pronti ad accogliere i visitatori", ha concluso.

Il doppio appuntamento con la MotoGp in programma a settembre sul circuito di Misano Adriatico intitolato a Marco Simoncelli "rappresenta un progetto di sistema che ha una proporzione enorme e spero possa avere un effetto promozionale enorme del quale il nostro territorio possa trarne beneficio". Così il Segretario di Stato allo Sport della Repubblica di San Marino, Teodoro Lonfernini, commenta, in videoconferenza, la presentazione del tradizionale Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini affiancato, quest'anno, dal Gran Premio dell'Emilia-Romagna e della Riviera di Rimini. "La Repubblica di San Marino - sottolinea - rilancia quell'impegno, insieme alla Regione, insieme ai Comuni a noi vicini. Siamo lieti di farlo, vogliamo farlo anche in futuro. Vogliamo metterci attorno a un tavolo per programmare sempre di più il futuro, anche perché il Covid lascia dei temi per cui dovremo programmare sempre di più. Questo evento non ha solo un significato sportivo, ma anche un sodalizio che lega tutti i nostri territori". Il Titano, aggiunge il Segretario di Stato al Turismo della Repubblica di San Marino, Federico Pedini Amati, "è terra di motori, di sport, di spettacolo, e ha sempre abbinato con gli amici dei territori limitrofi. Noi oggi abbiamo capito che lo sport unisce, il turismo lega le persone, il Covid ha sancito la caduta dei confini, che non ci sono più. L'unione - conclude - fa la forza".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie