Roma, ricarica auto elettriche missione (quasi) impossibile

102 colonnine verificate da Quattroruote, 45% non utilizzabili

Redazione ANSA ROMA

Utilizzare un'auto elettrica a Roma è davvero difficoltoso, perché la situazione dei punti di ricarica installati sul suolo pubblico è critica, con il 45% delle colonnine (46 sulle 102 verificate) inutilizzabili. E' quanto afferma una inchiesta del mensile Quattroruote che esattamente sei mesi dopo aver denunciato le difficoltà che incontrano gli utenti di Milano di auto elettriche, ha esaminato ora la situazione nella Capitale. Il risultato, come lo definisce il mensile, è 'impietoso' e riguarda indistintamente i quartieri periferici, quelli semiperiferici e il centro storico. Degli 149 spazi di ricarica riservati visitati, 43 (pari al 29%) sono risultati occupati irregolarmente da veicoli con motore termico (il 17,5%) o da veicoli elettrici non connessi (l'11,5%). Ma anche non non funzionanti o, ancora, perché in realtà destinate a ciclomotori e non alle automobili, senza che questo venisse segnalato dall'app di localizzazione utilizzata.
    I reporter di Quattroruote hanno visitato i quartieri Appio, Tuscolano Nord e San Giovanni. l'indagine si è svolta nelle vie dei Colli Albani, Appia Nuova, Albenga, Todi, in viale Furio Camillo e piazza dell'Alberone. E ancora in via Tuscolana dove è stato trovato uno stallo occupato in parte da un Suv plug-in non in ricarica e in parte da un cassonetto dell'immondizia. O come è accaduto in via Giolitti, nei pressi della Stazione Termini, dove uno dei quattro spazi riservati ai Bev è risultato occupato da un pick-up della Protezione Civile.
    Tre colonnine non attive e un cartello coperto in via Giuseppe Romita (piazza della Repubblica), 5 posti irregolarmente occupati su 6 in via Barberini (da auto elettriche, ma non collegate) così come in via dei Pontefici e in via Cesare Battisti. E ancora piazza, Santi Apostoli e piazza dei Tribuni dove, per la disinvoltura dei vari conducenti che hanno parcheggiato, una Smart elettrica in ricarica ha finito per occupare una parte dello stallo riservato ai disabili.
    Va sottolineato che a Roma, per rispettare il regolamento comunale ormai obsoleto, le colonnine di Enel X sono dotate anche di una presa di tipo 3A, destinata alla ricarica di motocicli e vecchi veicoli in sharing, ormai in disuso. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie