Beauty & Fitness

Capelli più difficili in estate: 6 trend per look perfetti

Boom tinte multicolor, tagli scalati, niente phon e più cure nutrienti. Infine rimedi anti-umido, anti-crespo

Capelli multicolor per l'estate foto iStock. © Ansa
  • di Agnese Ferrara
  • 08 luglio 2022
  • 19:27

Giornate roventi, umidità con picchi al 90%. Alla stanchezza ‘da calore’ si aggiungono le difficoltà nel mantenere un bell’aspetto. Nell’elenco dei problemi di look associati all’afa al primo posto ci sono i capelli che ne risentono in modo evidente con colori che sbiadiscono, frangette appiattite e storte, tagli ingestibili ed asciugature sbagliate, chiome crespe, niente lucentezza. Un incubo frivolo, certamente, ma cruccio comune che in questi giorni affolla i social con lamentele, meme ironici sull’argomento e soluzioni del momento, più meno credibili. Un nuovo sondaggio sulle tendenze dell'acconciatura di quest’anno e sui sogni femminili della stagione, commissionato dal colosso delle materie prime cosmetiche Croda e pubblicato su Cosmetics & Toiletries, evidenzia sei trend che includono le preoccupazioni nel gestire i propri capelli colpiti dall’umidità e dalla mancanza di una forma decente
Le sei tendenze includono molte soluzioni: in testa, le colorazioni multicolor (le preferite dalle giovanissime, ora dilagano sulle chiome delle  donne di tutte le età). Negli Stati Uniti tra il 2021 e il 2025 verranno spesi circa 98 milioni di dollari in più rispetto agli anni precedenti in coloranti per capelli e il genere ‘multicolor’ è mainstream: una pennellata verde sulle lunghezze oppure nuances diverse ciocca per ciocca o fascia per fascia. La fantasia non ha confini per superare, giocando, l’atavico problema della tintura che in estate sbiadisce o mostra la ricrescita
Al secondo posto c’è l’uso di prodotti di cura ‘clean’, scelti dal 69% delle donne, secondo la ricerca. Il mercato globale della bellezza ‘pulita’ raggiungerà i 22 miliardi di dollari entro il 2024 e riguarda i prodotti realizzati secondo la filosofia del ‘less is more’ e quindi con una quantità di ingredienti al minimo,  con l’esclusione di quelli chimici e di tutte le sostanze che, applicate in estate sulla capigliatura già affaticata dal caldo la appesantirebbero ulteriormente.
Al terzo posto dei trend c’è la ricerca di capelli più voluminosi e morbidi. Le ricerche online per riuscire ad averli morbidi hanno visto una crescita del 136%. 
Segue il boom dei rimedi anti ‘crespo’  (l’effetto crespo è la lamentela numero uno delle donne che si guardano allo specchio in questa stagione) con spray e acque che isolano la fibra dei capelli rendendola idrorepellente all’aria umida. Inoltre il sogno di capelli ‘liquidi’, così chiamati perché si vorrebbero setosi, corposi e morbidi al tatto e invece sono ultra secchi. 
Al sesto ed ultimo posto la ‘multifunzionalità’ ovvero il desiderio di usare pochi prodotti di bellezza ma che abbiano più azioni contemporaneamente. “Il 69% dei consumatori globali cerca modi per semplificare la vita e le routine con prodotti multifunzionali” conclude Michele Behrens, autrice del focus.
Conferma i trend per l'Italia e propone soluzioni pratiche anche Domenica Ricciardi, hairstylist personale di molte attrici italiane e internazionali da Oscar. “I giochi di colore sulle chiome in estate sono raccomandati, provate più nuance da sole, su una base fatta da un bravo parrucchiere. I bagni di colore eseguiti con maschere contenenti pigmenti, con i cosidetti 'crazy color', oppure con le schiume e gli spray colorati danno anche lucentezza e la scelta è molto ampia". Prosegue Ricciardi:  "Per gestire meglio la capigliatura in estate ed evitarne l’appiattimento della piega raccomando anche un taglio con una leggera scalatura, alta o bassa, che aiuterà ad asciugare i capelli più facilmente e a mantenerli più voluminosi anche nelle giornate afose”.  Niente piastre e phon col caldo: “Lasciate che le chiome si asciughino in modo naturale senza stress ulteriore, - precisa Ricciardi. - Occupatevi invece di curarli più del solito con impacchi, maschere, olio vegetali come quello di argan, da passare sia sui capelli asciutti che bagnati, insomma nutriteli moltissimo. Se vengono curati sicuramente avranno un aspetto meno sfibrato e più lucente e sotto il sole usate dei filtri anti UV che prevengono anche lo sbiadimento del colore”. E come gestire una frangetta ribelle nei giorni più caldi? “La frangia ha bisogno di una ottima manutenzione, ma se i capelli sono ricci va lasciata mossa e naturale. Negli altri casi invece si può usare un bigodino molto grosso per darle la forma, facendola asciugare all’aria. Si può anche dare una leggera phonata di spazzola, evitando di esagerare per non renderla troppo gonfia. Da evitare invece la piastra
I rimedi anti-umidità per eccellenza vanno dall’uso dei beccucci ai nuovi spray ad effetto protettivo. Spiega l’esperta: “Potete applicare i beccucci alla radice dei capelli umidi per dare volume. Lasciateli sulla testa finché non si esce per andare a cena, per esempio. Levati i beccucci si può massaggiare con le dita i capelli per eliminare l’effetto di ciocche lasciato dai becchi. L’umidità rovina le pieghe più belle ma ci sono molti rimedi in spray anti crespo ed anti umido da applicare su capelli asciutti e che risolvono il fastidio”. 
E si moltiplicano in commercio i prodotti specifici. Tra le novità per i ricci più affamati la linea Hair Food di Garnier, arricchita con burro di cacao approvvigionato responsabilmente dalla Costa d’Avorio; con il 97% di ingredienti di origine naturali, la gamma si compone di shampoo, balsamo e soprattutto della versatile maschera. La range al burro di cacao per i ricci va a completare la “dispensa” Hair Food del brand comprensiva di Banana - Nutriente per capelli secchi, Papaya - Riparatrice per capelli danneggiati, Aloe Vera - Idratante per capelli da normali a secchi, Anguria - Rivitalizzante per capelli da normali a fini e Macadamia – Lisciante per capelli secchi e ribelli.
Le maschere per i capelli sono una risorsa per la valigia estiva: sono utili come preshampoo, per districare i ricci; si possono usare come balsamo per ammorbidire e come maschera da lasciare in posa fino a 5 minuti per il massimo del nutrimento. E se siamo al mare e non laviamo i capelli tutti i giorni la maschera funge da ammorbidente quotidiano dopo aver sciacquato la chioma con acqua dolce.

  • di Agnese Ferrara
  • 08 luglio 2022
  • 19:27

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie