Responsabile Polposta, ragazzi parlate

Un convegno celebra i 20 anni dell'istituzione del Corpo

Redazione ANSA PERUGIA

(ANSA) - PERUGIA, 24 OTT - "E' fondamentale parlare e non restare in silenzio": a lanciare il messaggio è Marco Valerio Cervellini, responsabile per la Polizia postale delle campagne educative rivolte ai minori. Intervenuto a Perugia a un convegno su 'Privacy and security in social media' con il quale sono stati celebrati i 20 anni dell'istituzione del Corpo.
    Cervellini si è soffermato sull'importanza delle campagne di sensibilizzazione e prevenzione verso certi fenomeni.
    "Intervenire quando il minore è stato violato, abusato o addirittura indotto al suicidio è una grande sconfitta per noi operatori della sicurezza e per la società civile - ha detto -, che spesso e volentieri fa finta di non conoscere il fenomeno per non affrontarlo. Noi come Polizia di Stato, andiamo nelle scuole ad ascoltare i ragazzi e non a giudicarli, diamo loro dei consigli utili su come sfruttare la rete e la tecnologia e non al contrario farsi sfruttare e correre dei rischi".
    "La risposta dei giovani - ha spiegato Cervellini - è straordinaria. Noi abbiamo creato un diario di bordo con la campagna 'Una vita da social', con una pagina Facebook dove i ragazzi ci scrivono, ci chiedono consigli, ci chiedono aiuto".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: