Consorzio bonifica Valle Crati, sequestro beni a liquidatori

Importo per oltre un mln euro. Provvedimento Tribunale Cosenza

Redazione ANSA COSENZA

(ANSA) - COSENZA, 15 NOV - I carabinieri del Nucleo di polizia ambientale e forestale di Cosenza hanno sequestrato beni per un valore di oltre un milione e 200 mila euro a due persone, Domenico Bilotta, di 65 anni, e Salvatore Gargiulo, di 63, in relazione al ruolo da loro svolto, dal 2010 al 2016, di commissari liquidatori del Consorzio di bonifica Piana di Sibari e Media Valle Crati, .
    Il sequestro è stato fatto in esecuzione di un provvedimento emesso dal Tribunale di Cosenza e fa seguito alla condanna per peculato degli stessi Bilotta e Gargiulo disposta nei mesi scorsi dallo stesso Tribunale cosentino.
    Secondo l'accusa, i due commissari si sarebbero appropriati di somme a loro non spettanti per un importo di oltre due milioni di euro. Appropriazione emersa dalle indagini dei carabinieri dello stesso Nucleo di polizia ambientale e forestale e della sezione di Polizia giudiziaria dell'ex Corpo forestale dello Stato condotte tramite attività di intercettazione e riscontro documentale.
    Ai due commissari, insieme alle somme di denaro rinvenute su loro conti correnti bancari e postali, sono stati sequestrati diversi immobili, terreni, azioni, fondi esteri e quote societarie. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA