Mascherine solidali da ragazzi Minorile

Dai giovani dell'istituto di Acireale un aiuto a indigenti

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 08 APR - Mascherine per chi non si può permettere di comprarle. Parte dal mondo del carcere la nuova iniziativa di solidarietà. E i protagonisti sono i ragazzi dell'istituto penale per minorenni di Acireale, che produrranno con le loro mani le mascherine da distribuire gratuitamente agli indigenti, a cominciare dagli utenti della mensa dei poveri "San Camillo".
    L'idea è venuta al cappellano don Francesco Mazzoli e ha entusiasmato subito tutti: i giovani, gli educatori e il direttore dell'istituto. A contribuire a renderla concreta sono stati alcuni soggetti privati che si sono impegnati a donare il materiale e a prestare le attrezzature. A realizzare le "mascherine solidali", che non costituiscono presidi sanitari, sarà all'inizio un gruppo di detenuti che possiede già le competenze per avviare la produzione. Poi si coinvolgeranno gli altri perché l'idea è di portare avanti l'iniziativa per tutta la durata dell'emergenza Coronavirus.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA