Clima: Draghi, solo 8% emissioni Ue,cruciali Paesi emergenti

Crescita verde centrale per Italia ma bisogna convincere altri

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Osserviamo eventi meteorologici estremi che, nelle scorse settimane, sono stati un doloroso promemoria degli effetti dei cambiamenti climatici. Perciò, questo ci richiede anche un'azione immediata in materia di adattamento". Lo dice il presidente del Consiglio Mario Draghi intervenendo alla tavola rotonda Climate Moment in corso a New York.
    "Molti Paesi - come l'Italia - hanno deciso di porre al centro dei loro piani di ripresa e resilienza un modello di crescita più verde e inclusivo. Tuttavia, sappiamo già che è necessario fare di più", aggiunge. "L'Unione europea oggi è responsabile soltanto dell'8% delle emissioni globali. Studi recenti mostrano la profonda interconnessione fra produzione di energia, emissioni di gas serra e cambiamenti climatici. Perciò, dovremmo convincere le persone e i Paesi a livello mondiale che accelerare la transizione energetica ha dei costi, ma genera anche grandi benefici. Soprattutto nei Paesi emergenti e in via di sviluppo, la rapidità dei flussi di investimento indirizzati verso l'energia pulita è cruciale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA