Venezia, al via test piattaforma robotica per rifiuti marini

Progetto 'Maelstrom' Cnr-Ismar è cofinanziato dall'Ue

Redazione ANSA VENEZIA
(ANSA) - VENEZIA, 28 SET - Sono iniziate a Venezia le operazioni per testare la piattaforma robotica sviluppata nell'ambito del progetto "Maelstrom", cofinanziato dall'Unione europea, per rimuovere i rifiuti marini dai fondali. Dal 15 al 30 settembre, un team internazionale coordinato dal Cnr-Ismar di Venezia, capofila del progetto, ha iniziato la pulizia dei fondali nella laguna nei pressi dell'isola della Giudecca, e continuerà poi in mare aperto, nell'area di Cavallino-Treporti, due zone particolarmente interessate dalla presenta di rifiuti.

Le operazioni sono condotte in collaborazione con il Comune di Venezia, la Guardia Costiera di Venezia e Jesolo e il Gruppo Veritas e in accordo con il Magistrato alle Acque e la Regione Veneto.

La piattaforma robotica (Robotic Seabed Cleaning Platform for Marine Litter Removal), sviluppata dai partner di Maelstrom Tecnalia (Spagna), Consiglio Nazionale delle Ricerche Francese (Cnrs-Lirmm) e la Servizi Tecnici di Venezia, consiste in una chiatta galleggiante a cui, attraverso cavi e argani, è fissato il robot per la pulizia dei fondali.

"Il nostro robot - spiegano Damien Sallé e Mariola Rodriguez di Tecnalia e Nicola Ferrari della ditta Servizi Tecnici - è dotato di sensori guidati dall'intelligenza artificiale per il controllo del fondale e l'identificazione dei rifiuti; due diversi strumenti consentono la raccolta di materiale di diverse dimensioni: un tubo aspirante per i rifiuti più piccoli e una pinza per quelli di dimensioni più grandi come pneumatici, reti da pesca abbandonate e parti d'imbarcazioni". La piattaforma robotica è stata pensata per lavorare fino a 20 venti metri di profondità senza danneggiare gli ecosistemi acquatici; la sua attività si può svolgere sia in modo autonomo sia grazie alla guida di un operatore a distanza. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA