Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Moria pesci nel salernitano, indagine Istituto Zooprofilattico

Moria pesci nel salernitano, indagine Istituto Zooprofilattico

Infezione da microsporidi non trasmissibile all'uomo

NAPOLI, 23 agosto 2023, 14:33

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno ha preso atto con "grande preoccupazione" dei recenti eventi riguardanti la moria dei pesci nelle acque di Salerno e delle zone limitrofe.
    L'Izsm - che collabora strettamente con le autorità locali, le organizzazioni ambientali e le Istituzioni scientifiche per monitorare attentamente la situazione e adottare le misure necessarie per proteggere l'ecosistema marino e la salute pubblica - sta attualmente conducendo un'indagine approfondita per identificare le cause di questo fenomeno. Le prime analisi effettuate dei campioni prelevati dall'area colpita hanno evidenziato che la presenza di pesci morti e moribondi appartenenti alla specie alaccia (Sardinella aurita) è da attribuire ad infezione da microsporidi, parassiti la cui specie è in corso di identificazione. Tuttavia, "sulla base delle lesioni riscontrate e delle caratteristiche strutturali delle spore e dei parassiti liberi identificati, si tratterebbe di un'infezione riferibile al genere Glugea", dice Fabio Di Nocera, responsabile Unità Operativa Semplice Ittiopatologia Izsm.
    "L'infezione, non trasmissibile all'uomo, è stata in passato già ampiamente riscontrata in alacce pescate in Paesi che affacciano sul Mediterraneo. Sulle cause della diffusione dell'infezione potrebbe aver giocato un ruolo rilevante la stagionalità.
    Infatti, diversi studi identificano la temperatura tra i fattori scatenanti l'infezione da microsporidi; ma non sono da escludere fattori legati all'ecobiologia, al comportamento e all'immunità dell'ospite. Inoltre, le alacce di piccola taglia risultano più infette rispetto a quelle più grandi, a conferma della relazione tra dimensione dei pesci e prevalenza".
    "La mortalità dei soggetti è diffusa da Eboli a Sapri (Salerno) ma non è quantificata", spiega Esterina De Carlo, direttore sanitario dell'Izsm Campania e Calabria. "La diagnosi è stata effettuata presso i laboratori dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno con il coordinamento dell'Uos Ittiopatologia. Gli esami anatomoptaolgici, microbiologici e biomolecolari hanno portato alla diagnosi di microsporidiosi. Questo fenomeno, unitamente alle colorazioni anomale dell'acqua da proliferazione di fitoplancton confermano la stretta connessione tra ambiente e salute degli animali, che appare così sempre più evidente anche agli occhi dei non addetti ai lavori". Secondo Antonio Limone, direttore Generale dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, "è importante mantenere una 'rete' di epidemiosorveglianza, per garantire anche rispetto a fenomeni come questi la consapevolezza scientifica di ciò che accade. Il merito di questa collaborazione va equamente suddiviso tra le nostre attività diagnostiche dell'Istituto e l'importante presenza sul territorio dell' Asl di Salerno che ha contribuito alla diagnosi relativa a questa moria di pesci", conclude
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza