/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Calcio: Promosport, gli arrestati non sono nostri tifosi

Calcio: Promosport, gli arrestati non sono nostri tifosi

(v. "Calcio: quattro arresti in Calabria..." delle 19:56)

LAMEZIA TERME, 21 marzo 2023, 23:11

Redazione ANSA

ANSACheck

Le quattro persone arrestate per l'aggressione al sostenitore della Paolana "non sono tifosi della Promosport". A specificarlo, in un comunicato, è la stessa società calcistica di Lamezia Terme in relazione agli arresti eseguiti oggi dalla Polizia per l'aggressione subita da un tifoso della Paolana a conclusione dell'incontro giocato in casa della Promosport l'11 febbraio scorso.
    "Subito poco dopo l'accaduto - é detto nella nota - il presidente della Promosport Folino e tutta la società hanno preso le distanze, mostrando vicinanza e collaborazione con le forze dell'ordine. Lo stesso tifoso della Paolana aggredito, in un suo post sulle pagine social, ha ringraziato la Promosport per l'attenzione alla sua persona, chiarendo che ad aggredirlo non fossero stati tifosi della Promosport. Si ringraziano le forze dell'ordine per avere individuato in poco tempo i responsabili".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza