Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tar per la Basilicata, 'totalmente eliminato ogni arretrato'

Tar per la Basilicata, 'totalmente eliminato ogni arretrato'

Il presidente Donadono, 'ridotte anche tutte le pendenze'

POTENZA, 15 febbraio 2024, 11:09

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Totalmente eliminato ogni arretrato già nel 2022", insieme ad una "notevole e progressiva riduzione di tutte le pendenze", con una "consistente e progressiva diminuzione dei tempi di giudizio": sono tre dei dati con cui il presidente del Tribunale amministrativo regionale per la Basilicata (Tar), Fabio Donadono, ha aperto la relazione con la quale ha inaugurato stamani, a Potenza, l'anno giudiziario.
    Donadono ha sottolineato che "la contrazione delle giacenze è stata ottenuta nonostante l'afflusso di nuovo ricorsi depositati in numero di 566", con un tasso di litigiosità che è pari attualmente a 10,53 ricorsi ogni diecimila abitanti, "valore ben superiore alla media nazionale pari a 8,53". Per quanto riguarda la durata media dei processi si è passati "dai 364 giorni nel 2019 ai 168 giorni del 2023". Inoltre, "nell'ultimo triennio appena il 20 per cento dei provvedimenti del Tar risultano appellati e meno del sei per cento sono stati riformati in appello", determinando "un significativo indizio di efficienza, se mediamente il 94 per cento delle decisioni in primo grado è idoneo a risolvere la contesa". Infine, Donadono ha spiegato che "alcune delle controversie maggiormente ricorrenti hanno una particolare rilevanza sul piano economico, sociale o ambientale: in particolare sono da segnalare le cause in tema di appalti, di ambiente, di enti locali e di energie rinnovabili".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza