Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al via in Basilicata lo screening gratuito sull'epatite C

Al via in Basilicata lo screening gratuito sull'epatite C

A favore dei lucani tra i 34 e i 54 anni. Durerà tre anni

POTENZA, 13 ottobre 2023, 12:34

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Uno screening gratuito per l'epatite C sulla popolazione lucana di età compresa tra 34 e i 54 anni: è questa la campagna che è stata presentata stamani, a Potenza, dall'assessorato alla salute della Regione Basilicata, denominata "C devi pensare" che coinvolge le Aziende Sanitarie di Potenza e Matera, Federfarma Basilicata e i Medici di Medicina Generale. Il kit viene distribuito in farmacia o dal medico curante e viene eseguito sul posto con una puntura sull'indice della mano; in caso di positività prende il via il procedimento di carattere medico e burocratico.
    "Se diagnosticata precocemente - ha detto l'assessore regionale alla salute, Francesco Fanelli - si possono evitare problemi gravi futuri come cirrosi e carcinomi. E' pertanto fondamentale aderire alla campagna di screening che rientra nelle attività di programmazione sanitaria che stiamo introducendo". Lo screening presumibilmente avrà una durata almeno triennale, mentre la fase di mantenimento per reclutare chi non si sottoporrà al prelievo nella prima fase, sarà ancora più lunga. Dai numeri conosciuti a livello ministeriale, nella popolazione lucana dai 30 ai 50 anni, si prevede di riscontrare lo 0,5 per cento dei soggetti con un virus che circola; quota che potrebbe salire al tre per cento nelle persone più anziane, che già dal dopoguerra hanno potuto avere contatto con il virus.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza